il boom cinese delle case prefabbricate

La Cina alla conquista delle case prefabbricate

È noto ormai a tutti che la Cina sempre più sta emergendo come potenza mondiale, tanto che molti settori hanno il loro mercato più grande nel colosso d’Oriente. Uno su tutti è il cinema, ma non solo! Anche la bioedilizia e le case prefabbricate hanno in quello cinese il loro più grande mercato, in forte e continua crescita: lo sa bene anche www.avantgardeconstruct.it

Un boom molto green

Mai come negli ultimi due anni la bioedilizia è cresciuta tanto in titoli, un dato enormemente positivo e di grande soddisfazione per ciò che concerne l’ambito ecologico. Infatti tutte le maggiori aziende del mondo vedono la Cina al top della classifica per quanto riguarda la realizzazione delle tanto fortunate case prefabbricate in legno.

Una cosa che non dovrebbe stupire soprattutto chi è dentro questo mondo, infatti quella cinese è una delle nazioni che più di tutte investe nel green e per quanto riguarda la bioedilizia, le aziende produttive cinesi creano e propongono diversi tipi di abitazioni con una qualità costruttiva di alto livello grazie anche a delle fabbriche tecnologicamente all’avanguardia e ogni anno più performanti. Un record e un orgoglio che la Cina ha reso possibile come conseguenza di politiche economiche interessate ad aumentare positivamente gli utili e le produzioni di più di settemila aziende.

Nel paese della Grande Muraglia il salto di qualità non è per nulla passato inosservato: fino a neanche troppo tempo fa, praticamente la totalità delle aziende edili costruiva edifici a uno standard davvero molto basso con materiali di infima qualità – e lo sappiamo visto che tuttora è lo stereotipo delle abitazioni cinesi. Attualmente, però, vista l’enorme crescite tecnologica e investimenti che noi possiamo solo sognare, le aziende sono cresciute e hanno adottato una nuova visione di casa come bene di lusso, desiderose di aumentare le vendite e il fatturato.

E cambiando politica costruttiva, hanno chiamato a collaborare una grande quantità di bio-architetti e costruttori e designers che hanno fatto dell’economia verde il loro cavallo di battaglia, progettando strutture conformi alle richieste più disparate dei clienti.

Pechino caput mundi

Se ancora non vi è ben chiara la potenza cinese in questo settore, vi interesserà sapere che pochi anni fa il più grande costruttore cinese, China National Building Company ha stipulato un accordo con la holding londinese Your UK Group di 2 miliardi e mezzo di sterline per la costruzione di piùdi venticinquemila case prefabbricate da qui fino ai cinque anni che ci attendono. Un accordo, questo, che è stato da molti ritenuto tra gli investimenti più grandi in edilizia per quanto riguarda le ambizioni del progetto e la somma di denaro messa in gioco.

Un contratto che ha coinvolto molte aziende straniere, non ultima WeLink, e anche una holding cinese mandata in missione nel Regno Unito per far fronte alla non lieve crisi immobiliare inglese. Questo progetto comporterà – neanche a dirlo – una serie di enormi vantaggi: chiaramente il guadagno, ma va anche detto ed è importante che la China National Building Company avrà modo di far proprie nuove conoscenze dall’ambito europeo, viste anche le ben più recenti e avanzate normative costruttive inglesi. Mentre il Regno Unito avrà nuove case a prezzi molto concorrenziali, e una formazione specifica per nuovi progetti.

Mode che crescono

Spostandoci dal solo mercato cinese, in generale tutta l’Asia crede nelle case prefabbricate. Per esempio la città-stato di Singapore ha redatto un protocollo riguardante la realizzazione delle case prefabbricate da seguire in tutto il territorio (viene chiamato il PPVC). Il governo nazionale rende disponibili dei sussidi a quelle aziende che credono e partecipano le progetto, in modo da migliorare sempre di più i sistemi costruttivi.

Non solo, l’Asia ha come obiettivo quello di costruire almeno il 30% delle nuove case e dei nuovi edifici con il prefabbricato. Un obiettivo nobile con aspetti positivi, visto che come sappiamo i tempi di realizzazione sono nettamente inferiori e l’impatto ambientale è nullo.

Se siete interessati a questo e altri approfondimenti sul mondo dell’edilizia, avantgardeconstruct.it è molto aggiornato e potrebbe fare al caso vostro.

(Visited 3 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *