Un uovo in più e tanto sole fanno molto bene

Anche se l’estate sta finendo i piccoli consigli pratici per la salute sono sempre importanti. Soprattutto quando li leghiamo a dei gesti fattivi che possiamo mettere in atto subito, giorno dopo giorno.

Più antiossidanti dalle tue insalate

Le uova sono spesso demonizzate nelle diete dimagranti ed è una cosa stupida. Sono nutrienti e non fanno ingrassare come si crede, inoltre grazie al loro apporto proteico, possono aiutare a completare un pasto, anziché riempirsi di pasticci e snack che fanno solo ingrassare. Un uovo sodo io l’aggiungo sempre all’insalata. È un condimento perfetto che sta bene con i sapori delle erbe che utilizziamo, leggermente salato e fatto a fette. Una ricerca ha scoperto che aggiungerlo all’insalata rappresenta un vero e proprio toccasana. L’uovo sembra rilasciare molti dei carotenoidi vegetali, degli antiossidanti che fanno bene contro l’invecchiamento e la morte prematura delle cellule. Più uova mangi insieme all’insalata, più carotenoidi assorbi secondo uno studio della prestigiosa università di Purdue (Indiana). Mangiare tre uova con l’insalata aumenta di 4 volte l’assorbimento di questi antiossidanti rispetto a chi mangia l’insalata senza.  I carotenoidi contenuti nell’insalata verde, tipicamente sono: beta-carotene, alfa-carotene, licopene, luteina e zeaxantina.

L’importanza della luce solare

Con l’arrivo dell’autunno diminuisce la quantità di irradiamento solare cui siamo sottoposti. La perdita di questo irradiamento è alla base dei raffreddori e dei malanni invernali. Gli esperti hanno oltre scoperto che assumiamo 10 volte meno luce solare di quanto dovremmo e che le razioni giornaliere consigliate non bastano affatto, per esempio nei soggetti carenti di vitamina D, che formiamo grazie al Sole. Un team di ricercatori americani ha dichiarato che l’attuale RDA è troppo bassa e che dovrebbe essere almeno di 7000 IU per giorno e non di 600 come accade ora. Per quanto strano possa sembra ciò potrebbe essere in linea con la genetica. Il sole fa bene anche per diminuire le possibilità di contrarre il cancro alla prostata per gli uomini. Alte concentrazioni di vitamina D favoriscono processi anti-infiammatori alle ghiandole, riducendo o addirittura fermando la nascita dei tumori alla prostata. A dirlo sono gli scienziati dell’Università Medica della South Carolina. Oggi giorno vengono trattati chirurgicamente solo i tumori molto aggressivi, ma in ogni caso le iperplasie prostatiche benigne influiscono in modo negativo sulla qualità della vita. Quindi con la diminuzione della luce solare o si cerca di uscire di più o si assumono più dosi di vitamina D.

(Visited 2 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *