Porta la qualità italiana in tavola, con FoodEat

L’Italia è bellezza e bontà. Roma ha il Colosseo, Napoli il Vesuvio, Firenze il Battistero e Milano il Duomo, ma fermatevi per un attimo a pensare all’amatriciana, alla Fiorentina alla Pizza e al risotto. E come scordarsi dei vini: rosso, bianco, giovane o invecchiato, dolce o secco? Proprio i vini spesso diventano l’eccellenza e la cartolina di presentazione di molte realtà regionali che, non potendo contare se bellezze storiche e naturalistiche, riescono ad attrarre masse di turisti proprio grazie al vino come a Montalcino con il celebre Brunello.

Dall’estremo sud e per tutta la Penisola, lo Stivale è una vetrina di sapori e bontà riconosciute ed apprezzate in ogni dove. La Sicilia è famosa in ogni angolo del mondo per la rinomata pasticceria, con i suoi cannoli, la pasta di mandorla e per il passito, un vino dolce e invecchiato.

Passando alla terra ferma e facendo sosta in Calabria bisogna farsi forza e preparare il palato al peperoncino rosso dell’entroterra e ai pregiati salumi da gustare vicino Tropea, località nota anche per le famose cipolle rosse. La Puglia si apre al mondo con un ampia proposta che spazia dagli ottimi gamberetti della costa ionica fino alle orecchiette con le rape.

Non si tira indietro neppure la piccola Basilicata con il baccalà, la pasta fresca fatta in casa ed i bocconotti, tipici biscotti locali. Il piatto più famoso del mondo è la pizza e gustarla a Napoli, in Campania ha tutto un altro sapore. Ma la Campania ha molto altro da offrire come la mozzarella di Bufala, Battipaglia ed Aversana o come le delizie al gusto di limone della Costiera amalfitana.

Decine sono invece le ricette tipiche del Lazio e della capitale Roma che trovano la loro più alta espressione nei bucatini alla Amatriciana o alla carbonara e nella coda alla vaccinara. Molti prodotti della campagna laziale, tra le più fertile e ricche di tradizioni, oggi vengono presentati al consumatore grazie a FoodEat, un marchio che si impone per l’eccellente qualità dei prodotti italiani che includono confetture, creme, conserve, olio extra vergine di oliva, vini, salse e sughi. Una certificazione non solo della bontà, ma anche dell’alto livello dell’intera filiera che coinvolge tanto i produttori quanto i distributori e che arriva nella tavola del consumatore nella massima trasparenza, dichiarando l’origine del prodotto e quindi la sua intrinseca attendibilità.

L’Umbria invece offre il meglio di sé con i prodotti del sottobosco e della selvaggina, con gli insaccati ed i salumi, mentre il Molise fa breccia con i Mustaccioli di Isernia e le macche al miele.

Nella cucina tipica toscana ed a Firenze in particolare, la regina indiscussa è la fiorentina, l’enorme bistecca di 800 grammi famosa in tutto il mondo.

Nell’intero arco alpino a trionfare sono le polente, i tartufi, i funghi ed i formaggi; l’Emilia Romagna merita un capitolo a parte con i tortellini, la mortadella, la ribollita e il Prosciutto di Parma. Le eccellenze della cucina italiana sono davvero tante ed i luoghi in cui assaporare si perdono nella storia e nella tradizione. Si tratta di preziosità regionali che non mancano neppure nelle tipicità sarde, valdostane, trentine e friulane.

Un piacere tutto italiano all’insegna del gusto, della raffinatezza e della ricerca della materia prima che l’intero territorio peninsulare è in grado di offrire.  

(Visited 3 times, 1 visits today)

Tecnologia

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*