Le crociere invernali nei Caraibi

Le crociere intorno ai Caraibi rappresentano una vera e propria esplorazione del paradiso e uno dei migliori modi per scoprirli è sicuramente partire dalla Giamaica, in un viaggio onnicomprensivo che mira a scoprire una delle zone più belle del pianeta. Sono molte le compagnie di navigazione che offrono la possibilità di conoscere questa area geografica, indubbiamente tra le meglio conservate del pianeta, con i suoi panorami da cartolina. Alcune di queste sono specializzate nella scoperta di Cuba, Panama e Costa Rica, che non sempre vengono servite come le Antille, Barbados e le Isola Vergini. Ad esempio la Thompson, una delle compagnie britanniche più impegnate in questo settore, consente di far pernottare a L’Avana, dando modo di immergersi nella vita notturna della capitale cubana, assaggiando cocktail al rum e ballando al ritmo della musica di Compay Segundo.

Questo tipo di crociere verso i Caraibi, proposto anche da MSC Crociere e Costa, partono normalmente a cavallo di fine anno, quindi all’inizio di dicembre, per sfruttare al meglio la stagione temperata. Va detto che i Caraibi sono isole tropicali non equatoriali, per cui non c’è il fenomeno dell’inversione delle stagioni tipico di chi abita nell’emisfero sud. C’è comunque un clima temperato con nei mesi tradizionalmente freddi alle nostre latitudini. Il punto di partenza, fissato in Giamaica, è quello di Moneto Bay, un nome che evoca passato coloniale e rum. Questa vivace cittadina della costa nord è contrassegnata da una via simile alla strip di Las Vegas, piena zeppa di locali e ristoranti, dove si possono assaggiare i rinomati cocktail al rum, autentica bevanda nazionale della zona. Da qui è possibile visitare le cascate del fiume Dunn, probabilmente la principale attrazione della Giamaica. L’itinerario normalmente proposto dalle compagnie di crociere sia per il 2015 che per l’inverno 2015-2016 prevedono visite a Playa del Carmen nella costa del Messico e delle ore a Chichen Itza, l’antica capitale dei Maya. Non mancano appunto le puntate notturne all’Avana e le escursioni a Gran Cayman e Georgetown classica città dall’aspetto e dalle tinte coloniali.

Ovviamente in questo caso il pezzo forte è rappresentato dall’escursione lungo le coste e le spiagge di Cuba, che recentemente si sta aprendo a una sorta di mercato fatto di zone speciali, come dimostra peraltro il disgelo con gli Stati Uniti d’America. Ci sono i posti migliori da vedere della capitale cubana, dai quartieri moderni con vista sulla famosa Plaza de Revolucion, fino alla città vecchia, oggi patrimonio mondiale dell’Unesco, chiamata appunto Habana Vieja. Il cabaret del Tropicana riesce a trasmettere la sensazione di ciò che era Cuba soprattutto nel periodo tra le due guerre mondiali, quando era un po’ il centro del mondo, la sede scelta da Hemingway che vi ambientò alcune delle sue opere più belle (Il vecchio e il mare).

(Visited 3 times, 1 visits today)

Tecnologia

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*