La menopausa: sintomi e durata

Per menopausa o climaterio si indica la cessazione delle mestruazioni. E’ anche il periodo di interregno tra l’età fertile e quella sterile, dopo la quale una donna ha superato l’orologio biologico della fecondità. Molte donne accusano i sintomi di questo passaggio già nel momento in cui le mestruazioni cominciano a diminuire. Diventando meno frequenti e meno abbondanti alla fine scompaiono del tutto. Spesso la menopausa è associata al declino. Anche una malintesa “saggezza popolare” vuole questo, ma ciò deriva dal fatto che “avere figli” era considerato un valore praticamente economico e si valutava la donna anche per questo. In realtà molte donne, passato il periodo della menopausa, scoprono di stare meglio.

Ma perché si va in menopausa?

La menopausa non va scambiata per una causa, è un effetto della diminuzione degli ormoni femminili, gli stessi che hanno provocato la comparsa delle mestruazioni e hanno indotto ai cambiamenti fisiologici tipici del passaggio dalla pubertà all’età fertile. Si assiste a un rallentamento dell’attività ovarica e all’interruzione dell’ovulazione. Quasi tutti questi sintomi sono attribuibili alla diminuzione della concentrazione degli estrogeni e del progesterone nel sangue.

Quali sono i sintomi della menopausa?

Alla menopausa le donne associano solitamente un certo numero di sintomi. Non tutti questi sono fisici, spesso influenzano la sfera psicologica, mentale. Ad esempio, molte donne lamentano uno stato di depressione e irritabilità dovute allo sbilanciamento ormonale in atto. Seguono anche sentimenti di inadeguatezza e sconforto, accompagnati da crisi di pianto o momenti di estrema debolezza. Si dorme meno e si assiste a un netto calo del desiderio.

I sintomi fisici sono più avvertibili e riconoscibili. Le vampate di calore sono spesso riportate come tipiche del processo filologico in atto, con un rossore riconoscibile sulle gote ad esempio. La sudorazione notturna a volte subentra anche quando non non c’è un apparente motivo di perdita di liquidi, con conseguente stato di pre-disidratazione. Secchezza vaginale e prurito nella zone perineale-vaginale e dolore nella penetrazione, rendono i rapporti sessuali più complicati. In generale si assiste a un affaticamento del corpo, a una sensazione di fiacchezza e un indebolimento dell’organismo.

Cosa fare?

Innanzitutto la donna deve considerare la menopausa come un processo naturale. Non ci si può e non ci si deve sentire in declino, come un rifiuto del genere umano. Una donna in menopausa può riscoprire molte gioie, può trovare il tempo di coltivare nuovi hobby, frequentare nuove persone, trovare nuovi stimoli. E’ fondamentale – insomma – vivere bene questa fase, perché aiuterà a superare i problemi fisiologici. La menopausa non è infinita. Le stime di durata variano da caso a caso, ma si parla di una finestra che può andare dai 7 ai 15 anni, a volte ne bastano anche 5, non tutti gli organismi sono simili.

(Visited 8 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *