La cura degli anziani: un’opportunità anche economica

In un paese che invecchia, ha un tasso di nascita considerato il più basso nei paesi altamente sviluppati, dove la popolazione sopra i 60 anni sta diventando lentamente maggioritaria e l’aspettativa di vita è fortunatamente più alta, la cura dell’anziano sta diventando un’opportunità da sfruttare.

Dal punto di vista degli anziani la vecchiaia è molto particolare. Nella maggior parte dei casi l’anziano è solo, forse in compagnia col coniuge se questo non è andato a miglior vita. Quando ha rapporti con le persone, nella maggior parte dei casi i figli e i nipoti, è per ricorrenze o per problemi inerenti ai soldi e alla divisione dei beni di famiglia. Quando c’è qualcuno a fargli compagnia quotidianamente molto probabilmente questi è pagato: una badante straniera che si occupa un tanto di ore al giorno di una persona che ricorda la propria vita passata con nostalgia. L’anziano spende la pensione per farsi mantenere nelle cose ordinarie: farsi preparare il pranzo o la colazione, farsi accompagnare al parco, sistemare la camera o il soggiorno e commentare insieme i programmi della tv del mattino.

Compagnia professionale a pagamento

Spesso la badante è un’infermiera professionale che si occupa di dare le pastiglie al momento giusto, fare un controllo della pressione, tenere a bada l’anziano che soffre di momenti di poca lucidità, controllando il polso, la temperatura. A volte l’anziano è così solo – interiormente – che dimentica le cose più stupide e ha bisogno di un’altra persona anche per le incombenze più piccole. In questo senso inizia a sentirsi poco importante, abbandonato, incompreso. Prima o poi piange, si lascia andare a gesti di disperazione, ricordante di quando era sano, giovane, forte indipendente e pieno di energia. In questi casi si ricordano bene i fratelli, i tempi trascorsi con essi e di sicuro i propri genitori, quando lo accompagnavano a scuola.

Il franchising nel settore dell’assistenza agli anziani

È una vita indolente quella dell’anziano, che trova soddisfazione principalmente dalla compagnia. Per questo motivo la cura di esso non può essere lasciata a personale impreparato, improvvisato, che pensa solo di svolgere delle mansioni. Ci vuole anche un supporto umano, psicologico, là dove non possono darlo i figli che normalmente sono impegnati nella loro vita professionale. Per questo motivo il franchising del settore sta conoscendo uno sviluppo non sorprendente: le strutture di accoglienza per gli anziani si stanno specializzando, cercando di offrire un comfort che vada oltre il benessere materiale.

Le società umane avanzate si sono sviluppate in modo da creare un welfare state, uno stato del benessere che mantiene i più anziani, con le cure e l’assistenza, le pensioni e gli assegni, le strutture di accoglienza e gli ospedali specializzati. In cambio i giovani ricevono saggezza ed esperienza, pagano per averla. I nonni sono diventati fondamentali nella società italiana: secondo i sociologi, durante questo periodo di crisi prolungata, hanno rappresentato un’ancora di salvezza, un vero e proprio paracadute sociale per le famiglie al collasso economico.

Opportunità economiche concrete e welfare state

Chi sta pensando di aprire un’attività in franchising può vedere nella cura della persona e soprattutto nell’assistenza delle persone anziane, un’opportunità motivata da evidenze statistiche. La popolazione invecchia e la vita si allunga, mentre si va in pensione più tardi: questa prospettiva fa sorgere da sola la domanda di assistenza. I più giovani dovranno lavorare di più e avere meno e fare meno figli, questo toglie loro tempo per la cura degli anziani, che inoltre si sentiranno più soli dal fatto che hanno minor numero di figli e nipoti che si possono prendere cura di loro. Le strutture specializzate che offrono un supporto costituiscono delle reti di assistenza in network, sfruttando il franchising per operare a livello nazionale.

Le cifre sugli anziani in Italia

I dati ISTAT parlando di 13 milioni di persone che hanno bisogno di assistenza: http://www.istat.it/it/archivio/anziani, di queste il 61% sono anziani. In Italia ci sono 150 anziani ogni 100 giovani sui 15 anni (studio ISTAT). L’assistenza domiciliare è il bisogno principale delle famiglie ed è in questo settore che si stanno sviluppando le migliori opportunità di business in franchising.

(Visited 5 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *