Google local: le ricerche mobile sempre più presenti

Il mondo di Google spesso coincide con quello del web, tanto che molte persone quando fanno una ricerca su Google, pensano di farla sul web. In realtà il grande motore di ricerca non indicizza più del 10% del web esistente. Ci sono tanti siti che fanno a meno di Google, ma molti ovviamente ne soffrono la mancanza. Ma cosa è Google in sostanza? La risposta anche in questo caso dipende da cosa cerchiamo. Per i consumatori, gli utenti alla ricerca di un prodotto o un servizio, è semplicemente un motore di ricerca. Non è l’unico, ma è il più utilizzato. Per i professionisti del web Google è molto di più: è una presenza massiccia che può portare ricavi. Per quelli che invece sono dall’altra parte, ad esempio i proprietari di e-commerce, devono avere a che fare con Google Local, se hanno un’attività che agisce in un determinato territorio (immaginate un dermatologo che agisce in una determinata città).

Il mondo di Google è molto pervasivo: il motore di ricerca raccoglie in media il 70% delle ricerche, ma considerando solo l’Italia questa percentuale sale drasticamente al 94%. Le aziende online tentano di cogliere il meglio da questo traffico, affidando le loro sorti a campagne AdWords, campagne di posizionamento organico, ben sapendo che l’ambiente in cui si muovono, assai impattante, è frutto di precise scelte strategiche di Google Inc.

Il local business è molto interessante e offre opportunità uniche per chi si affaccia online e vuole farsi conoscere in un determinato luogo. La sua grande importanza è data da due fattori. Anzitutto Google è un motore su base localistica, ciò significa che se fate una ricerca da Roma, Google in automatico vi darà i risultati della zona geografica, ricavando la posizione dall’IP e aggiustando i risultati con le ricerche personalizzate. Poi va tenuto conto della tecnologia: negli ultimi anni la pervasività e la diffusione degli iPhone e degli smartphone simili ad esso ha spostato le connessioni dal desktop al mobile. In questo modo chi si muove può sempre stare connesso, grazie allo scambio dati 3G e 4G, può trovare ciò che cerca anche se si sposta, trovando risultati pertinenti, precisi, ristretti non solo alla città, ma anche alla zona geografica (ad esempio Roma Nord).

Il mondo di Google dal punto di vista del local è molto vario, ma molto promettente. Google offre molto opportunità di visibilità, grazie all’iscrizione al programma My Business, che sostituisce Google Places e che permette alle aziende di registrare in modo gratuito la propria azienda sull’elenco delle imprese locali. Quando gli utenti faranno una ricerca l’attività locale apparirà in un box con la mappa, che oggi è stato ristretto a 3 elementi, che comprendono informazioni fondamentali come l’indirizzo del sito, il numero di telefono e le recensioni degli utenti.

(Visited 4 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *